L’Europa tra il Gnl Usa e il gas russo

News internazionali
18 febbraio 2022

 

La crisi Russia-Ucraina e le tensioni sui mercati energetici europei hanno riportato al centro della scena mondiale il gas naturale, fonte che sembrava destinata fino a pochi mesi fa a un rapido declino. Il ministro degli Esteri Luigi di Maio ha intanto annunciato oggi a Mosca, al termine di un incontro con l’omologo Sergey Lavrov, che è in preparazione una visita del premier Mario Draghi in Russia “al più presto possibile”. Sullo scacchiere del gas si stanno muovendo anche i Paesi produttori cui la Commissione Ue ha chiesto espressamente aiuto per superare l’attuale crisi degli approvvigionamenti ed eventuali interruzioni delle forniture dovute a un’escalation del conflitto russo-ucraino. Tra questi, oltre naturalmente agli Usa, figurano Qatar, Egitto, Azerbaijan, Algeria e Nigeria. E proprio Algeria e Nigeria hanno firmato ieri una accordo tripartito con il Niger per la realizzazione del progetto Trans-Saharan Gas Pipeline, gasdotto di oltre 4.100 km dal Golfo di Guinea al Mediterraneo in discussione dal 2009.

Fonte: Quotidiano Energia

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

Portavoce delle istanze delle aziende industriali energivore

Indirizzi

SEDE LEGALE
via Mauro Macchi, 27
20124 Milano


SEDE OPERATIVA
via Alessandro Torlonia, 15
00161 Roma

Contatti

  • Telefono: +39 06 4423 6926

  • Fax: +39 06 4423 7930

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Comunicazione e relazioni istituzionali
Strategic Advice
Telefono : +39 06 97998 274-5-6
www.strategicadvice.it

© 2021 Gas Intensive. All rights reserved. Powered by Woola.it.