Crollano le estrazioni di gas: -18% Italia più dipendente dalla Russia

News nazionali
5 febbraio 2022

 

Ancora meno gas di quanto prevedessero i pessimisti più cupi. Nel 2021 l’Italia ha estratto dai suoi giacimenti molto meno metano di quei già pochi 4 miliardi di metri cubi: 3,34 miliardi. Il 18,6% in meno rispetto al 2020. Ai primi anni 2000 venivano estratti circa 20 miliardi di metri cubi l’anno. Il tutto mentre aumentano i consumi e le importazioni. Questo quanto emerge dal nuovo censimento bilancio italiano del gas del Mite.  Le due principali fonti sono la Russia (29,06 miliardi di metri cubi) e l’Algeria (21,16). 7,21 miliardi mc provengono da Tap. Tap e la ripresa dell’Algeria hanno dato una disponibilità aggiuntiva e a prezzi competitivi che ha consentito anche l’export. Il crollo dell’estrazione viene dallo svuotarsi dei giacimenti più vecchi ma soprattutto dalla riottosità sociale nei confronti delle “trivelle”.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Jacopo Giliberto (pag. 10)

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

Design Escapes

Portavoce delle istanze delle aziende industriali energivore

Indirizzi

SEDE LEGALE
via Mauro Macchi, 27
20124 Milano


SEDE OPERATIVA
via Alessandro Torlonia, 15
00161 Roma

Contatti

  • Telefono: +39 06 4423 6926

  • Fax: +39 06 4423 7930

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Comunicazione e relazioni istituzionali
Strategic Advice
Telefono : +39 06 97998 274-5-6
www.strategicadvice.it

© 2021 Gas Intensive. All rights reserved. Powered by Woola.it.