Gas, la domanda asiatica fa lievitare i prezzi europei

News internazionali
10 luglio 2021

Continua la ripresa sul mercato europeo dell'elettricità e del gas, con consumi e prezzi che nel primo trimestre del 2021 tornano ai livelli precedenti la pandemia. In particolare, sul mercato gas la crescita della domanda asiatica ha fatto crescere i prezzi spot all'ingrosso in Europa, mentre sul mercato elettrico i consumi sono cresciuti rispetto al primo trimestre 2020 grazie al riscaldamento e alla ripresa dell'industria manufatturiera. Questo è quanto emerge dall'ultimo report della Commissione europea pubblicato ieri. Sul mercato gas, gli alti premi in Asia orientale di gennaio 2021 hanno reindirizzato le navi Gnl, riducendo la fornitura in Europa. Nel primo trimestre 2021 le importazioni di Gnl si sono fermate a 17 miliardi di metri cubi con un crollo del 29% su base annua – crollo più pronunciato tra gennaio e febbraio. I primi Paesi importatori sono stati la Spagna (4,3 mld di mc), la Francia (4,2 mld di mc) e l'Italia (2,1 mld di mc). L'Europa resta il terzo mercato di Gnl dopo Giappone e Cina. Nel primo trimestre 2021, i primi Paesi esportatori sono gli Stati Uniti (4,2 mld di mc), la Russia (mld di mc) e il Qatar (3,1 mld di mc). Sul mercato elettrico, i consumi sono cresciuti del 2% su base annua - tornando ai livelli prepandemici. Ciò è stato dovuto alle temperature più basse e ai consumi per il riscaldamento e l'industria manufatturiera, che hanno annullato gli effetti del crollo della domanda da parte di altri settori economici. La Commissione segnala il rischio che, quest'anno, le emissioni europee possano crescere rispetto al 2020 e al 2019: le temperature estreme, una ripresa vigorosa e il poco vento potrebbero infatti pesare sulle emissioni più degli alti prezzi della CO2. Su gran parte dei mercati dell'elettricità, il primo trimestre 2021 ha fatto segnare una ripresa dei prezzi, che sono tornati ai livelli prepandemici. A gennaio i prezzi all'ingrosso hanno toccato record positivi in tutta Europa – a parte il sud est. Lo European Power Benchmark si è attestato sui 53 euro al MWh, il 79% in più su base annua. La crescita continuerà nei prossimi mesi, dice il rapporto, a causa dei prezzi alti dei combustibili. A giugno i prezzi elettrici hanno segnato il record massimo degli ultimi 13 anni in diversi Paesi europei, Francia e Germania comprese. Il numero di ore con prezzi negativi (217) è stato relativamente basso rispetto ai trimestri precedenti e il fenomeno è stato concentrato tra febbraio e marzo. Per quanto riguarda i veicoli elettrici, il primo trimestre 2021 conta 350.000 nuove immatricolazioni – il secondo risultato più alto dall'inizio delle rilevazioni. Le auto elettriche occupano il 14% del mercato elettrico. La Commissione sottolinea che ciò è stato dovuto alle politiche di supporto degli Stati membri, al maggior numero di modelli disponibili e ai prezzi più bassi, e all'incertezza sulle auto con motori a combustione.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

Design Escapes

Portavoce delle istanze delle aziende industriali energivore

Indirizzi

SEDE LEGALE
via Mauro Macchi, 27
20124 Milano


SEDE OPERATIVA
via Alessandro Torlonia, 15
00161 Roma

Contatti

  • Telefono: +39 06 4423 6926

  • Fax: +39 06 4423 7930

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Comunicazione e relazioni istituzionali
Strategic Advice
Telefono : +39 06 97998 274-5-6
www.strategicadvice.it

© 2021 Gas Intensive. All rights reserved. Powered by Woola.it.