Gas russo a rischio. Timore per nuove ritorsioni di Gazprom

News nazionali
28 aprile 2022

 

Il nodo del gas in rubli sta venendo al pettine. Gazprom ha ufficialmente sospeso le forniture alla Polonia e alla Bulgaria, dimostrando che Mosca fa sul serio. E il mercato ha ripreso a tremare. Nel resto d’Europa, Italia compresa, il gas russo continua ad arrivare con regolarità. Il prezzo del combustibile si è impennato però a 125 euro/MWh, in rialzo del 28% prima di attestarsi a 108 euro. Le quotazioni sono entrate in tensione anche negli Usa, con punte di rialzo fino all’8%. Polonia e Bulgaria stanno ora ricevendo gas dai loro vicini europei. Se non ci saranno ulteriori riduzioni di flussi l’Europa potrebbe riuscire a gestire la situazione, in caso contrario sarebbe a rischio la sicurezza energetica. I mercati si sono ridimensionati quando è emerso che alcuni grandi clienti di Gazprom, 10 secondo Bloomberg, potrebbero essere al riparo da ritorsioni, in quanto si sono adeguati al meccanismo di pagamento. Anche Eni sta esaminando la pratica per aprire un doppio conto corrente. Da valutare ora anche l’incognita politica, con l’UE vicina a decretare l’embargo per il petrolio russo.   

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 5)

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

Design Escapes

Portavoce delle istanze delle aziende industriali energivore

Indirizzi

SEDE LEGALE
via Mauro Macchi, 27
20124 Milano


SEDE OPERATIVA
via Alessandro Torlonia, 15
00161 Roma

Contatti

  • Telefono: +39 06 4423 6926

  • Fax: +39 06 4423 7930

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Comunicazione e relazioni istituzionali
Strategic Advice
Telefono : +39 06 97998 274-5-6
www.strategicadvice.it

© 2021 Gas Intensive. All rights reserved. Powered by Woola.it.