Guerra e annunci di sanzioni infiammano le materie prime

News internazionali
25 febbraio 2022

 

Gas più caro del 60% in una sola giornata, petrolio sopra 100 dollari al barile e aumento generale delle materie prime a livelli che non si vedevano da un decennio. L’invasione russa ha colto di sorpresa i mercati. Oltre al rischio geopolitico ad infiammare i prezzi è la concreta possibilità di perdere forniture di combustibili, metalli, forniture agricole che potremmo non essere in grado di sostituire del tutto. Il gas si è spinto fino a 144 euro. Il record storico toccato lo scorso dicembre è di 182€. Ma era dal 2005 che non si verificava un’impennata così rapida. I flussi dalla Russia non si sono comunque interrotti, ma hanno registrato un lieve aumento. La stessa Gazprom ieri ha prontamente rassicurato sulla regolarità delle forniture e dei transiti. Il mercato resta in apprensione per il rischio di danni alle infrastrutture, oltre alla chiusura deliberata e agli effetti delle sanzioni, anche se al momento le forniture energetiche non sono state toccate. Oggi come oggi riusciremmo a fare a meno di Gazprom per al massimo qualche settimana. Sarebbe purtroppo difficile sostituire la Russia anche negli approvvigionamenti di molte materie prime, a cominciare dal petrolio.  

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 12)

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

Design Escapes

Portavoce delle istanze delle aziende industriali energivore

Indirizzi

SEDE LEGALE
via Mauro Macchi, 27
20124 Milano


SEDE OPERATIVA
via Alessandro Torlonia, 15
00161 Roma

Contatti

  • Telefono: +39 06 4423 6926

  • Fax: +39 06 4423 7930

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Comunicazione e relazioni istituzionali
Strategic Advice
Telefono : +39 06 97998 274-5-6
www.strategicadvice.it

© 2021 Gas Intensive. All rights reserved. Powered by Woola.it.