Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ci vuole la Carbon Tax
12/12/2015 - Pubblicato in news internazionali

Da quando nel 2000 gli Stati Uniti hanno deciso di svincolarsi dal protocollo di Kyoto in nome dell'indipendenza energetica, certe distanze non sono più state colmate. A Parigi, però, anche se le posizioni sono rimaste divergenti, si e' riusciti a fissare dei punti comuni, di cui il più importante e' il limite all'aumento della temperatura, che dovrà restare "ben sotto i 2 gradi", come sancito dall'articolo 2 del testo dell'accordo. Fissata anche, al 2023, la data della prima revisione degli impegni nazionali. "Senza nuove regole che limitino l'uso dei combustibili fossili non si va da nessuna parte, e conferenze come Cop21 non sono la sede giusta per arrivare a soluzioni concrete". La provocazione e' di Corrado Clini, ex ministro dell'Ambiente, ora consulente internazionale in materie ambientali e docente alla School of Environment della Tshingua University di Pechino.  Al di là delle dichiarazioni solenni, contenere l'aumento della temperatura in 1,5 gradi, come ha chiesto l'Italia vuol dire che al 2030 il peso dei combustibili fossili dovrà scendere dall'attuale 80 al 50%, mentre economie emergenti come Cina e India, che consumano sempre più energia, continueranno a utilizzare carbone e olio combustibile". Con un limite a 2 gradi, invece, l'addio al carbone e' più graduale: al 60% nel 2040.

Fonte: Milano Finanza

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]