Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il volto che vale 2mila miliardi. Wall Street sogna
20/03/2017 - Pubblicato in news internazionali

Il principe saudita Mohammad Bin Salman Al Saud, secondo in successione del re saudita Salman, ha incontrato il presidente Trump alla Casa Bianca la settimana scorsa. I dossier che a lui fanno capo sono tanti e complicati: innanzitutto è lui a essere il titolare del Dicastero della Difesa e quindi è sua la responsabilità della guerra scatenata dalla coalizione saudita nello Yemen contro i ribelli sciiti Houthi. Ma, soprattutto, a lui fa capo la supervisione dell’intera politica energetica del Paese ed è in questa veste che ha ribaltato la strategia adottata dal 2014 in poi, arrivando a sottoscrivere lo storico accordo tra paesi Opec e non Opec per fare risalire i prezzi del petrolio, ridotti dall’eccesso di offerta. Sul fronte interno, a lui si deve l’ambizioso piano “Vision 2030” con il quale si punta ad uscire dalla dipendenza dal petrolio, a cui si deve l’85% dei ricavi di esportazione.

Fonte: Corriere della Sera, L’Economia – Stefano Agnoli (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>

Da un lato la domanda di petrolio che fatica a recuperare i livelli pre Covid, dall’altro le disciplina sui tagli di produzione che dopo mesi di estremo rigore è tornata a vacillare.
[leggi tutto…]

Ets, assegnazioni gratuite nel mirino

Tempo di ripensamenti per le allocazioni gratuite Ets, il sistema disegnato per contrastare la rilocalizzazione delle industrie europee al di fuori della Ue a causa dei costi della CO2
[leggi tutto…]

Transizione energetica non indolore

L’energia è al centro delle politiche dell’Unione europea, negli anni integrata dall’ambiente
[leggi tutto…]