Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il volto che vale 2mila miliardi. Wall Street sogna
20/03/2017 - Pubblicato in news internazionali

Il principe saudita Mohammad Bin Salman Al Saud, secondo in successione del re saudita Salman, ha incontrato il presidente Trump alla Casa Bianca la settimana scorsa. I dossier che a lui fanno capo sono tanti e complicati: innanzitutto è lui a essere il titolare del Dicastero della Difesa e quindi è sua la responsabilità della guerra scatenata dalla coalizione saudita nello Yemen contro i ribelli sciiti Houthi. Ma, soprattutto, a lui fa capo la supervisione dell’intera politica energetica del Paese ed è in questa veste che ha ribaltato la strategia adottata dal 2014 in poi, arrivando a sottoscrivere lo storico accordo tra paesi Opec e non Opec per fare risalire i prezzi del petrolio, ridotti dall’eccesso di offerta. Sul fronte interno, a lui si deve l’ambizioso piano “Vision 2030” con il quale si punta ad uscire dalla dipendenza dal petrolio, a cui si deve l’85% dei ricavi di esportazione.

Fonte: Corriere della Sera, L’Economia – Stefano Agnoli (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]

Il gas, economico e green, affossa il carbone

In nome dell’ambiente, ma anche dell’economia. Il ruolo del carbone nella generazione elettrica sta tramontando a una velocità senza precedenti in Europa
[leggi tutto…]

Carbone auf Wiedersehen, svolta verde in Germania

L’offensiva del Green Deal tedesco passa per un superamento del carbone, con la chiusura entro il 2038 delle centrali alimentate da questo combustibile altamente inquinante
[leggi tutto…]