Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Via libera alle regole sui gasdotti extra Ue
05/04/2019 - Pubblicato in news internazionali

Le nuove regole sui gasdotti verso l’Europa, approvate ieri dal Parlamento di Strasburgo, salvano sia le condotte già esistenti – come quelle che collegano l’Italia al Nord Africa – sia il controverso Nord Stream 2, tra Russia e Germania. L’orizzonte tuttavia non è privo di rischi, né per quest’ultimo né per il Transmed, attraverso il quale ci riforniamo dall’Algeria. Il testo estende anche ai gasdotti provenienti da Paesi terzi le regole comunitarie, tra cui in particolare l’obbligo di concedere l’accesso ad altri operatori e quello di separare la proprietà dei tubi da quella delle risorse di gas. Sarà inoltre Bruxelles a negoziare futuri accordi e concedere eventuali esenzioni. Ma per i gasdotti già esistenti è affidato a ciascun Paese il compito di deliberare entro un anno sulle regole che li governano, purché non siano contrarie alle norme sulla concorrenza. Mentre per il Nord Stream 2 la Germania si è già messa in tasca la delega ad occuparsene direttamente. Nuovi ostacoli a quest’ultimo progetto, però, sono arrivati nel frattempo dalla burocrazia danese, che la settimana scorsa  ha chiesto un supplemento di indagine di impatto ambientale e lo studio di un’ipotesi di rotta alternativa (sarebbe la terza). Quanto al Transmed, ci sono problemi di carattere tecnico che si sommano alle incertezze di ordine politico. La prima linea del gasdotto dall’Algeria è stata posata in mare nel lontano 1983 ed è quasi a fine vita, avvertono gli esperti. Ma decidere se investire in una sostituzione dei tubi richiederebbe un minimo di certezza sui futuri scenari di importazione. E in questo momento è buio assoluto.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]