Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ma le vere ambizioni dell’Arabia Saudita puntano oltre i 70$
01/12/2017 - Pubblicato in news internazionali

Esattamente un anno dopo averlo siglato, l’Opec ha deciso ieri di estendere l’accordo sul controllo della produzione a tutto il 2018, contro una scadenza prevista inizialmente di fine marzo 2018. Prevede che la produzione rimanga sotto di 1,2 milioni barili al giorno rispetto al picco dell’ottobre 2016, vale a dire a 32,5 milioni barili per giorno. In quest’anno non solo il grado di rispetto è stato alto, ma addirittura si sono aggiunti 11 paesi non Opec, guidati dalla Russia, che hanno contribuito ad un taglio di altri 0,5 milioni. Nel complesso l’accordo ha funzionato: il Brent è risalito oltre i 63 dollari per barile, il 38% in più dei 45 dollari di un anno fa. La banca centrale del petrolio rimane l’Arabia Saudita che, nonostante tutti i nervosismi interni, nel 2017 ha tagliato più di quanto promesso, fermandosi a 10 milioni barili giorno. Le alte scorte accumulate da allora, ancora oggi a livelli record, pesano e impediscono ai prezzi di riportarsi, come nelle intenzioni, oltre i 70. Questa è la soglia a cui mira l’Arabia Saudita che, da una parte, ha bisogno di incrementare le sue entrate per finanziare le ambiziose riforme del suo giovane e irrequieto principe al trono Mohamed Bin Salman, Mbs, dall’altra, vuole prezzi stabili per garantire una domanda di petrolio in crescita nel lungo termine, in modo da evitare che le sue enormi riserve, di durata oltre i 60 anni, si tramutino troppo presto in inutili pietre nere.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Davide Tabarelli (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]