Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Nel vento il futuro di Saipem
30/06/2017 - Pubblicato in news internazionali

È in partenza per la Scozia il parco eolico offshore più grande al mondo, 30 Megawatt installati su una piattaforma galleggiante che dovrebbe entrare in produzione a fine anno e ha richiesto un investimento di 250 milioni di dollari. A far viaggiare i generatori di Hywind, del colosso norvegese Statoil, sarà Saipem, con il vascello Saipem 7000. Le turbine, assemblate in Norvegia, saranno imbracate e caricate dalla Saipem 7000, che poi provvederà a installarle al largo delle coste nord orientali della Scozia. Uno spot importante per la società di servizi petroliferi guidata da Stefano Cao, che continua a perdere colpi in Borsa, nonostante gli sforzi per diversificarne il business e reggere al mini-barile. I parchi eolici offshore sono, appunto, una delle nuove attività nel raggio d’azione di Saipem, insieme al decommissioning delle piattaforme, concentrate nel Mare del Nord. Quest’ultimo è un mercato che certo non fa gola solo al gruppo italiano, visto che si calcola che le oil company dovranno investire tra i 30 e i 40 miliardi di sterline per liberare i mari da impianti oggi inutilizzati. La stima è dell’Oga (Oil and gas authority), l’autorità di settore britannica. Ma le occasioni più ravvicinate per Saipem arrivano dall’eolico offshore.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]