Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il Venezuela ricco di petrolio è rimasto senza benzina
26/03/2017 - Pubblicato in news internazionali

Nel Paese con maggiori riserve petrolifere del pianeta a scarseggiare - dopo il cibo, i medicinali e i beni di prima necessità - adesso è proprio la benzina. Manca nella capitale Caracas e nelle 4 principali regioni del Paese scatenando così il panico in una popolazione già provata dal fallimento economico del chavismo. Inevitabili così scenari di guerra, con code interminabili nei pochissimi distributori ancora riforniti e tensioni tra automobilisti inferociti, vittime anche di furti nell'estenuante attesa. Tutto questo perché la società petrolifera statale, la Pdvsa, ha da tempo preferito la politica alla meritocrazia e così ha fatto fuori i migliori tra chimici, ingegneri ed esperti del settore petrolifero. Il che se da un lato ha «tranquillizzato» l'establishment prima di Chávez e ora del suo delfino Nicolás Maduro - rassicurati dal fatto di avere uomini di fiducia nei posti di comando - dall'altro ha fatto sì che di colpo non si sia più in grado di raffinare il greggio. A questo s'aggiunge un terribile incendio che la scorsa settimana ha semidistrutto una delle poche raffinerie ancora operanti e il problema ormai cronico dei soldi che mancano per importare la benzina. Tanto che vi sono ben 13 navi ferme nei porti caraibici in attesa dei pagamenti. Il poco combustibile rimasto si sta esaurendo in fretta e si teme la fine delle scorte. Spiega preoccupato Iván Freites, uno dei capi del sindacato di settore: «Il problema vero è che il governo non ha più soldi per importare i componenti di cui abbiamo bisogno per produrre il combustibile né per importare benzina sufficiente». Insomma il Venezuela adesso rischia davvero di fermarsi.

Fonte: Il Giornale – Paolo Manzo (pag.17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]