Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Val d’Agri, la Regione frena Eni
13/05/2017 - Pubblicato in news nazionali

Ammonta a 232 tonnellate la quantità di greggio finora recuperata dall’Eni in seguito alla perdita di idrocarburi da uno dei serbatoi di stoccaggio del Centro Olio Val d’Agri di Viggiano e Grumento Nova, dopo lo stop - circa un mese fa - della Regione Basilicata, che ha bloccato la produzione di idrocarburi con effetti importanti anche su quella nazionale. Ma dovranno essere recuperati ancora 200 tonnellate di greggio secondo le stime della compagnia petrolifera alla Regione. Dopo l’individuazione della perdita e la messa in sicurezza ora non c’è pericolo di ulteriori perdite ma ci vorrà tempo e la preoccupazione della popolazione locale è aumentata come ha evidenziato lo stesso Descalzi. Comunque, ripresa dell’attività e bonifica procedono parallelamente. La Regione ha autorizzato in via sperimentale per 20 giorni l’impianto mobile di trattamento delle acque dell’Eni, con l’esame delle acque reflue in entrata e in uscita facendo però ancora ricorso all’autobotte per essere certi che l’impianto operi in perfetta sicurezza.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e territori – Luigia Ierace (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]