Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Val d'Agri, la protesta dell'indotto upstream
10/09/2015 - Pubblicato in news nazionali

Un migliaio, tra imprenditori e lavoratori dell'indotto Eni in Val d'Agri, hanno organizzato ieri a Potenza un presidio per “sollecitare” il rispetto degli accordi tra la Regione e l'Eni del 1998, in particolare per quel che riguarda le opere da realizzare e la tutela dei livelli occupazionali. Al presidio hanno partecipato circa 1.200 persone provenienti da tutta la regione. Una delegazione è stata anche ricevuta dal presidente della Regione, Marcello Pittella (Pd), a cui è stato presentato un documento (con 1.800 firme) con le richieste delle imprese (in allegato sul sito della Staffetta). Nei punti contenuti nel memorandum, si chiede di “sollecitare” il rilascio delle autorizzazioni per progetti previsti negli accordi del 1998, e di “velocizzare il rilascio delle autorizzazioni” sospese per le opere (come la costruzione del condotto "Pergola 1" e i pozzi "Caldarosa" 2 e 3 e il "S.Elia" 7, e la manutenzione del Centro Olio), anche per la tutela dei posti di lavoro. Sono infatti una trentina le aziende che operano nell'indotto Eni in Val d'Agri, con circa 3.500 persone impiegate (il 50% delle quali è lucana). I dati sono stati resi noti da Ida Leone, uno dei componenti nel comitato "9 Ottobre" che ha organizzato la protesta: “Vogliamo portare all'attenzione della Regione - ha detto - non solo la questione burocratica e imprenditoriale, ma anche il futuro di queste famiglie, poiché circa la metà degli occupati rischia di perdere il posto entro la fine dell'anno. Non parliamo di nuove trivellazioni o dell'aumento della produzione, ma solo del rispetto degli accordi del 1998, per la tutela di tutte quelle piccole aziende che hanno investito in questo settore e che sono cresciute”.

Fonte: StaffettaQuotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam a un passo dal gasdotto Olt

Il passaggio di mano del 49,07% del rigassificatore di Livorno, Olt Offshore Lng Toscana, è sempre più vicino
[leggi tutto…]

Effetto shock sul petrolio: il barile vola del 14%

L’attacco che ha dimezzato la produzione di petrolio dell’Arabia Saudita ha messo a nudo la vulnerabilità di un pilastro del sistema energetico mondiale
[leggi tutto…]

Riad mobilita le riserve per evitare il caro-petrolio

Oltre alle questioni relative alla sicurezza sono gli effetti economici e finanziari provocati dall’attacco alle due raffinerie saudite a preoccupare la comunità internazional
[leggi tutto…]