Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Utility, l’effetto petrolio comprime i fatturati
28/01/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news internazionali

L’effetto materie prime taglia i fatturati delle utility, frena di conseguenza gli investimenti che diminuiscono in calore assoluto ma tengono in rapporto ai ricavi. L’alleggerimento dei fatturati si accompagna però anche a una revisione nella struttura dei costi, come mostra il quadro della gestione caratteristica che vede crescere anche se di poco il peso dei margini. Un’indagine realizzata dal centro studi Althesys si concentra sulle 100 aziende più grandi, pubbliche e private, attive nell’energia, nel servizio idrico, nel gas e nei rifiuti, e offre il quadro economico più aggiornato all’indomani dell’avvio della fase attuativa della riforma Madia. Il punto di partenza dell’analisi è la frenata di fatturati. L’analisi vede all’origine della frenata il fattore esterno legato al calo delle quotazioni delle materie prime, un elemento che in questa fase sta diventando strutturale.

Fonte: Il Sole 24 ore, Impresa & Territorio – Gianni Trovati (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]