Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Gli Usa superpotenza del petrolio. Il gasdotto dalla Russia va ripensato”
18/05/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Il Corriere ha intervistato Amos Hochstein, 47 anni, inviato speciale per gli Affari dell’energia dell’amministrazione americana, che vede alcune novità di fondo sul mercato. La prima: «Gli Stati Uniti sono una superpotenza nell’energia». E soprattutto, il cartello dell’Opec ha perso il controllo del prezzo perché i produttori americani dello «shale» — il petrolio e il gas estratti dalla roccia di scisto — glielo hanno strappato. I sauditi hanno lasciato che il barile si deprezzasse per mettere i produttori Usa fuori mercato. Sul North Stream 2 dichiara: «Noi vogliamo vedere in Europa un mercato diversificato, rifornito dalla Russia e da tutti gli altri produttori. Ma il modo migliore per impedire agli altri fornitori di competere con il gas russo è di fare nuovi gasdotti e ora il più importante è North Stream 2. C’è anche un altro problema: se fai North Stream 2, sostanzialmente stai togliendo all’Ucraina il transito verso la Germania». Ed aggiunge: « l’80% del gas russo verso l’Europa arriva in un solo luogo, in Germania, e non è sano…». E conclude:  «Non è ancora approvato. Non è un progetto che contribuisca all’Unione dell’energia in Europa, dunque va studiato attentamente. Bisogna vedere se è un progetto economico o politico. Se è politico, forse sarebbe meglio ripensarci. Matteo Renzi, il vostro premier, è stato piuttosto forte su questo punto». «Noi vogliamo vedere in Europa un mercato diversificato, rifornito dalla Russia e da tutti gli altri produttori. Ma il modo migliore per impedire agli altri fornitori di competere con il gas russo è di fare nuovi gasdotti e ora il più importante è North Stream 2. C’è anche un altro problema: se fai North Stream 2, sostanzialmente stai togliendo all’Ucraina il transito verso la Germania».

Fonte: Corriere della Sera – Federico Fubini (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio volatile in attesa di G20 e Opec

Le nuove sanzioni Usa contro l’Iran non hanno smosso i mercati petroliferi.
[leggi tutto…]

Dal gas alle reti, quattro mine sul Piano energia

La campanella suonerà il 31 dicembre quando tutti i paesi Ue dovranno presentare la versione definitiva dei Piani nazionali per l’energia e il clima
[leggi tutto…]

Phase out La Spezia, i sindacati: conversione a gas ed essenzialità

Per la prima volta tutti i partecipanti al tavolo del phase out (tranne il ministero dello Sviluppo economico) si incontreranno in pubblico per parlare della centrale a carbone di La Spezia.
[leggi tutto…]