Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sono gli Usa, non l’Opec il faro del petrolio
04/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

Sono gli Stati Uniti e non l’Opec il faro dei mercati petroliferi. Giovedì il calo delle scorte americane aveva sorretto i prezzi, nonostante il vertice dell’Organizzazione si fosse concluso con un rinvio della reintroduzione di un tetto produttivo. Ieri il barile è di nuovo sprofodato sotto 50 dollari, per il doppio effetto dei dati sull’occupazione Usa - molto inferiori alle attese e dunque potenzialmente nocivi per i consumi di carburanti - e del ritorno in funzione oltre Oceano di 9 trivelle: segno che forse non è infondata l’idea che lo shale oil possa risorgere alla prima consistente risalita dei prezzi. Le statistiche di Baker Hughes, arrivate verso fine seduta, hanno dato un’ulteriore spinta in ribasso alle quotazioni, facendo chiudere il Brent a 49,64 dollari al barile. Uno smacco per il neo-ministro dell’Energia saudita, Khaled Al Falih, che solo poche ore prima aveva sminuito il pericolo che la concorrenza rialzasse la testa. La capacità dello shale oil di ritornare davvero in forze è comunque ancora tutta da dimostrare: decine di operatori sono andati in bancarotta e i finanziamenti al settore si sono prosciugati quasi del tutto. Potrebbe inoltre essere difficile recuperare il personale specializzato e i mezzi ai quali le compagnie hanno rinunciato negli ultimi mesi. Quello che sta accadendo, insomma, non dovrebbe (ancora) turbare la ritrovata armonia all’iterno dell’Opec. L’ultimo vertice sembra aver appianato molte divergenze in seno al gruppo, segnando una sorta di armistizio persino tra Iran e Arabia Saudita, su fronti opposti non solo quando si tratta di petrolio.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e Mercati – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]