Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sono gli Usa, non l’Opec il faro del petrolio
04/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

Sono gli Stati Uniti e non l’Opec il faro dei mercati petroliferi. Giovedì il calo delle scorte americane aveva sorretto i prezzi, nonostante il vertice dell’Organizzazione si fosse concluso con un rinvio della reintroduzione di un tetto produttivo. Ieri il barile è di nuovo sprofodato sotto 50 dollari, per il doppio effetto dei dati sull’occupazione Usa - molto inferiori alle attese e dunque potenzialmente nocivi per i consumi di carburanti - e del ritorno in funzione oltre Oceano di 9 trivelle: segno che forse non è infondata l’idea che lo shale oil possa risorgere alla prima consistente risalita dei prezzi. Le statistiche di Baker Hughes, arrivate verso fine seduta, hanno dato un’ulteriore spinta in ribasso alle quotazioni, facendo chiudere il Brent a 49,64 dollari al barile. Uno smacco per il neo-ministro dell’Energia saudita, Khaled Al Falih, che solo poche ore prima aveva sminuito il pericolo che la concorrenza rialzasse la testa. La capacità dello shale oil di ritornare davvero in forze è comunque ancora tutta da dimostrare: decine di operatori sono andati in bancarotta e i finanziamenti al settore si sono prosciugati quasi del tutto. Potrebbe inoltre essere difficile recuperare il personale specializzato e i mezzi ai quali le compagnie hanno rinunciato negli ultimi mesi. Quello che sta accadendo, insomma, non dovrebbe (ancora) turbare la ritrovata armonia all’iterno dell’Opec. L’ultimo vertice sembra aver appianato molte divergenze in seno al gruppo, segnando una sorta di armistizio persino tra Iran e Arabia Saudita, su fronti opposti non solo quando si tratta di petrolio.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e Mercati – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]