Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Usa alla guerra del petrolio. A rischio l’equilibrio Opec
21/01/2018 - Pubblicato in news internazionali

Non solo gli Stati Untiti quest’anno scavalcheranno l’Arabia Saudita diventando il secondo più importante produttore di petrolio alle spalle delle Russia, ma continuando a pompare greggio potrebbero anche arrivare a compromettere l’equilibrio del mercato. Secondo Aie, che parla di “crescita esplosiva”, gli Stati Uniti quest’anno dovrebbero superare la soglia dei 10 milioni di barili al giorno. L’industria statunitense dello shale oil, rileva l’Aie, ha infatti battuto tutte le aspettative, beneficiando non solo dell’aumento dei prezzi e del taglio dei costi ma anche dell’intensificazione delle attività di perforazioni e di tutte le altre misure di efficientamento approvate durante gli anni di crisi. Complice anche le nuove tensioni geopolitiche il prezzo del Brent lunedì scorso ha chiuso per la prima volta sopra quota 70 euro, ai massimi dal dicembre 2014. E visto che l’Agenzia mantiene invariate le previsioni di crescita della domanda mondiale di greggio tutta da presumere che fra i grandi produttori la tensione di qui ai prossimi mesi sia destinata a salire.

Fonte: La Stampa, Economia&Finanza – Paolo Baroni (pag. 16)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]

Confindustria: Italia sia hub del gas. Crippa: supporto a chi si allinea al Pec

Si è svolto a Roma l'incontro tra il Comitato Energia di Confindustria e il sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa. Al centro del confronto, il Piano nazionale energia e clima e il ruolo strategico del gas naturale per la transi
[leggi tutto…]

Doppia Commessa per Saipem

Saipem si è aggiudicata nuovi contratti nel drilling offshore in Norvegia e in Medio Oriente per un totale di oltre 200 milioni di dollari.
[leggi tutto…]