Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’uragano Nate minaccia i pozzi di petrolio negli Usa
07/10/2017 - Pubblicato in news internazionali

Un nuovo uragano sta puntando verso gli Stati Uniti e stavolta la traiettoria punta diritto al cuore dell’industria petrolifera, tanto da aver costretto a sospendere oltre 1,2 milioni di barili al giorno di produzione nel Golfo del Messico, il 71,1% del totale: un taglio simile a quello dell’Opec, che tuttavia non ha infiammato le quotazioni del barile. Il mercato sembra ignorare quasi del tutto l’effetto degli uragani. E si è esaurito in fretta anche l’entusiasmo per le intese russo-saudite, che preparano il terreno a una proroga dei tagli produttivi dell’Opec Plus.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]