Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’uragano Nate minaccia i pozzi di petrolio negli Usa
07/10/2017 - Pubblicato in news internazionali

Un nuovo uragano sta puntando verso gli Stati Uniti e stavolta la traiettoria punta diritto al cuore dell’industria petrolifera, tanto da aver costretto a sospendere oltre 1,2 milioni di barili al giorno di produzione nel Golfo del Messico, il 71,1% del totale: un taglio simile a quello dell’Opec, che tuttavia non ha infiammato le quotazioni del barile. Il mercato sembra ignorare quasi del tutto l’effetto degli uragani. E si è esaurito in fretta anche l’entusiasmo per le intese russo-saudite, che preparano il terreno a una proroga dei tagli produttivi dell’Opec Plus.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]

Dalla lotta alle frodi al taglio dei sussidi

Lo chiamano “Pins”, Piano di politica economico-finanziaria per l'Innovazione e la sostenibilità, ed è la new entry annunciata nel Programma nazionale di riforma (Pnr), che servirà a organizzare tutti i piani preesist
[leggi tutto…]