Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Upstream, tre Via positive tra Puglia e Sicilia. Presentate inoltre due istanze in Emilia e Sicilia
18/10/2016 - Pubblicato in news nazionali

Nei giorni scorsi il ministero dell'Ambiente si è espresso positivamente su alcuni progetti di indagini geofisiche relative a diversi permessi di ricerca di idrocarburi. Con due decreti ministeriali del 14 ottobre, la Global Petroleum Limited ha ricevuto parere favorevole per altrettanti progetti di indagine geofisica nelle aree delle istanze di permesso di ricerca in mare “d 82 F.R-.GP" e "d 83 F.R-.GP". I permessi di ricerca interessati dagli interventi sono due aree contigue, localizzate nella zona F al largo delle coste pugliesi, nelle province di Bari e Brindisi. Il progetto prevede l'acquisizione e l'elaborazione di circa 280 km di linee sismiche 2D in un permesso di ricerca e 265 km nell'altro, mediante tecnologia air-gun ed un'eventuale rilievo geofisico 3D su un'area di circa 100 kmq in ognuno delle due aree. Via libera inoltre al progetto di rilievo sismico 3D presentato da Eni per il reperimento di idrocarburi nel Canale di Sicilia, come indica il decreto 268 dell'11 ottobre. AleAnna Resources ha poi depositato presso il ministero dell'Ambiente la documentazione per l'avvio della procedura di valutazione di impatto ambientale relativa al conferimento del permesso di ricerca La Stefanina, nelle province di Ravenna e Ferrara. Il progetto prevede un rilievo geofisico 3D in due aree di circa 83 kmq. Infine, la società Irminio ha presentato un'istanza per perforare due pozzi esplorativi in provincia di Ragusa.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi ai massimi da novembre

In aumento le quotazioni del petrolio sui circuiti elettronici internazionali.
[leggi tutto…]

Phase out carbone, Crippa rilancia il cavo Sardegna-Sicilia

Il phase out del carbone in Sardegna si può gestire dalla Sicilia, valutando la possibilità di accorciare i tempi di realizzazione;
[leggi tutto…]

Petrolio in ripresa, ma tra Riad e Mosca l’alleanza è a rischio

L’asse petrolifero tra Russia e Arabia Saudita inizia a scricchiolare
[leggi tutto…]