Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Upstream Libia, apertura a nuovi investimenti stranieri
26/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

La Libia vuole riaprire il suo settore petrolifero agli investitori esteri in quanto il Paese intende raddoppiare la sua produzione di greggio, una volta che la situazione politica del paese si sarà stabilizzata. Lo ha affermato Mustafa Sanallah, presidente della compagnia di Stato National Oil, parlando alla Chatham House di Londra. L'output di Tripoli è triplicato a circa 700.000 barili al giorno dalla scorsa estate e il Governo vuole aumentare ulteriormente la produzione in scia alla recente riapertura dei porti e delle aree petrolifere che erano stati chiusi per via dei disordini nel Paese. Sanallah ha puntualizzato che, in base a studi condotti prima della guerra civile, l'industria petrolifera della Libia ha bisogno di investimenti compresi tra 100 e 120 miliardi di dollari.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]