Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Upstream Libia, apertura a nuovi investimenti stranieri
26/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

La Libia vuole riaprire il suo settore petrolifero agli investitori esteri in quanto il Paese intende raddoppiare la sua produzione di greggio, una volta che la situazione politica del paese si sarà stabilizzata. Lo ha affermato Mustafa Sanallah, presidente della compagnia di Stato National Oil, parlando alla Chatham House di Londra. L'output di Tripoli è triplicato a circa 700.000 barili al giorno dalla scorsa estate e il Governo vuole aumentare ulteriormente la produzione in scia alla recente riapertura dei porti e delle aree petrolifere che erano stati chiusi per via dei disordini nel Paese. Sanallah ha puntualizzato che, in base a studi condotti prima della guerra civile, l'industria petrolifera della Libia ha bisogno di investimenti compresi tra 100 e 120 miliardi di dollari.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]