Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Upstream Italia, frenata del petrolio
09/02/2016 - Pubblicato in news nazionali

Produzione di idrocarburi in calo in Italia nel 2015, con il greggio che torna a scendere del 5,1% a 5,455 milioni di tonnellate dopo cinque anni consecutivi di aumento e il gas al terzo ribasso annuale consecutivo ormai sotto quota 7 mld mc (-5,6% a 6,877 mld mc). Per il petrolio quasi tutte le 292mila tonnellate in meno si devono a una frenata delle produzioni a terra, in particolare in Basilicata (-210mila circa) e Sicilia (-60mila). Per il gas sono le produzioni a mare le responsabili del grosso dei 408 milioni di mc in meno, con una contrazione di circa 340 mln mc dovuta soprattutto alle zone adriatiche A (settentrionale), B (centrale) e D (meridionale). L'output a terra flette di circa 70 mln mc di cui oltre 60 in Basilicata. Flessione ancora più pronunciata per la gasolina, di cui nel 2015 l'Italia ha prodotto 14.947 tonnellate, in calo del 12,9% sul 2014.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]