Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Upstream Italia, frenata del petrolio
09/02/2016 - Pubblicato in news nazionali

Produzione di idrocarburi in calo in Italia nel 2015, con il greggio che torna a scendere del 5,1% a 5,455 milioni di tonnellate dopo cinque anni consecutivi di aumento e il gas al terzo ribasso annuale consecutivo ormai sotto quota 7 mld mc (-5,6% a 6,877 mld mc). Per il petrolio quasi tutte le 292mila tonnellate in meno si devono a una frenata delle produzioni a terra, in particolare in Basilicata (-210mila circa) e Sicilia (-60mila). Per il gas sono le produzioni a mare le responsabili del grosso dei 408 milioni di mc in meno, con una contrazione di circa 340 mln mc dovuta soprattutto alle zone adriatiche A (settentrionale), B (centrale) e D (meridionale). L'output a terra flette di circa 70 mln mc di cui oltre 60 in Basilicata. Flessione ancora più pronunciata per la gasolina, di cui nel 2015 l'Italia ha prodotto 14.947 tonnellate, in calo del 12,9% sul 2014.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]

Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>

Da un lato la domanda di petrolio che fatica a recuperare i livelli pre Covid, dall’altro le disciplina sui tagli di produzione che dopo mesi di estremo rigore è tornata a vacillare.
[leggi tutto…]