Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Upstream Egitto, Eni fa progressi in Nooros
12/05/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici

Eni, attraverso la messa in produzione del pozzo esplorativo Nidoco North 1X e del pozzo di sviluppo Nidoco North West 4, ha portato la produzione del campo di Nooros, nella concessione di Abu Madi West, a circa 65.000 barili di olio equivalente al giorno (33.000 in quota Eni). E' quanto annuncia una nota del Cane a Sei Zampe. "Questo nuovo traguardo, raggiunto in soli 10 mesi dalla scoperta avvenuta a luglio 2015, rappresenta un'ulteriore conferma della strategia di Eni di esplorazione near field indirizzata su attività a elevato valore che consentano un rapido sviluppo delle scoperte attraverso le infrastrutture già esistenti", prosegue la nota. La produzione giornaliera di Nooros, di cui circa 10 milioni di metri cubi sono rappresentati da gas e 5.000 barili da condensato, "darà un contributo importante alla riduzione delle importazioni di gas ed alla fornitura di energia a basso costo per lo sviluppo dell'Egitto", si legge. Il prossimo obiettivo per Eni è di incrementare la produzione fino a 140.000 boe al giorno entro la fine del 2016, attraverso la perforazione di ulteriori pozzi. Inoltre, Eni continuerà le attività di esplorazione nella licenza dove è stato individuato del potenziale ulteriore.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]