Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Upstream Egitto, Eni fa progressi in Nooros
12/05/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici

Eni, attraverso la messa in produzione del pozzo esplorativo Nidoco North 1X e del pozzo di sviluppo Nidoco North West 4, ha portato la produzione del campo di Nooros, nella concessione di Abu Madi West, a circa 65.000 barili di olio equivalente al giorno (33.000 in quota Eni). E' quanto annuncia una nota del Cane a Sei Zampe. "Questo nuovo traguardo, raggiunto in soli 10 mesi dalla scoperta avvenuta a luglio 2015, rappresenta un'ulteriore conferma della strategia di Eni di esplorazione near field indirizzata su attività a elevato valore che consentano un rapido sviluppo delle scoperte attraverso le infrastrutture già esistenti", prosegue la nota. La produzione giornaliera di Nooros, di cui circa 10 milioni di metri cubi sono rappresentati da gas e 5.000 barili da condensato, "darà un contributo importante alla riduzione delle importazioni di gas ed alla fornitura di energia a basso costo per lo sviluppo dell'Egitto", si legge. Il prossimo obiettivo per Eni è di incrementare la produzione fino a 140.000 boe al giorno entro la fine del 2016, attraverso la perforazione di ulteriori pozzi. Inoltre, Eni continuerà le attività di esplorazione nella licenza dove è stato individuato del potenziale ulteriore.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]