Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa In Ue si usa troppo carbone e poco gas
02/02/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Si usa ancora troppo poco gas naturale e troppo carbone. Nella realtà gli sforzi per ridurre l’uso del carbone nella produzione si scontrano con il fallimento del meccanismo di scambio di quote d’emissione tra i Paesi Ue e con il calo dei prezzi, che rende l’utilizzo del carbone più conveniente di quello di altri combustibili. Nel trienni 2012-2014 gli impianti a carbone sono aumentati del 13%. Di contro quelli a gas sono diminuiti del 24% Per l’uscita dal carbone occorre garantire il “giusto equilibrio” tra tre fattori rilevanti, ossia sicurezza e sostenibilità ambientale ed economica. La combinazione che secondo le stime dà la risposta più efficiente è il cosiddetto “scenario blu”, contrapposto a quelli identificati con il grigio e con il verde, e che con minori investimenti fissi garantisce più sicurezza e migliori risultati sul versante ambientale. Tale soluzione prevede un aumento delle rinnovabili per 217 Gw, una riduzione degli impianti a carbone per 78 Gw entro il 2030 rispetto ai livelli del 2015. Secondo tale studio è il metodo migliore per bilanciare gli obiettivi europei di una riduzione di almeno il 40% delle emissioni.

Fonte: MF – Andrea Pira (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]

Confindustria: Italia sia hub del gas. Crippa: supporto a chi si allinea al Pec

Si è svolto a Roma l'incontro tra il Comitato Energia di Confindustria e il sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa. Al centro del confronto, il Piano nazionale energia e clima e il ruolo strategico del gas naturale per la transi
[leggi tutto…]

Doppia Commessa per Saipem

Saipem si è aggiudicata nuovi contratti nel drilling offshore in Norvegia e in Medio Oriente per un totale di oltre 200 milioni di dollari.
[leggi tutto…]