Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa In Ue si usa troppo carbone e poco gas
02/02/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Si usa ancora troppo poco gas naturale e troppo carbone. Nella realtà gli sforzi per ridurre l’uso del carbone nella produzione si scontrano con il fallimento del meccanismo di scambio di quote d’emissione tra i Paesi Ue e con il calo dei prezzi, che rende l’utilizzo del carbone più conveniente di quello di altri combustibili. Nel trienni 2012-2014 gli impianti a carbone sono aumentati del 13%. Di contro quelli a gas sono diminuiti del 24% Per l’uscita dal carbone occorre garantire il “giusto equilibrio” tra tre fattori rilevanti, ossia sicurezza e sostenibilità ambientale ed economica. La combinazione che secondo le stime dà la risposta più efficiente è il cosiddetto “scenario blu”, contrapposto a quelli identificati con il grigio e con il verde, e che con minori investimenti fissi garantisce più sicurezza e migliori risultati sul versante ambientale. Tale soluzione prevede un aumento delle rinnovabili per 217 Gw, una riduzione degli impianti a carbone per 78 Gw entro il 2030 rispetto ai livelli del 2015. Secondo tale studio è il metodo migliore per bilanciare gli obiettivi europei di una riduzione di almeno il 40% delle emissioni.

Fonte: MF – Andrea Pira (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]