Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ue: controllo preventivo sugli accordi intergovernativi sul gas
27/01/2016 - Pubblicato in news internazionali

La Commissione europea sta lavorando a una direttiva che imponga il controllo preventivo da parte dell'Unione sugli accordi riguardanti l'energia tra Stati membri e Paesi extra Ue. Lo ha confermato il vice presidente della Commissione con delega all'Unione dell'Energia, Maros Sefcovic, dopo che questa mattina il Financial Times e il quotidiano russo Kommersant avevano pubblicato indiscrezioni in merito. Parlando a margine della presentazione della Task Force sulla povertà energetica, Sefcovic ha detto che le disposizioni fanno parte di un pacchetto di proposte sulla sicurezza energetica che intende presentare il mese prossimo. “Introdurremo questo controllo preventivo degli accordi intergovernativi”, ha detto Sefcovic. “Dovremmo sviluppare un meccanismo che ci dia la possibilità di scrutinare gli accordi intergovernativi in moda da essere certi che, una volta firmati, siano compatibili con le norme Ue”. Rispondendo alla domanda di un cronista, Sefcovic ha ammesso di aspettarsi una “discussione complicata” sulle obiezioni che verranno sollevate da alcuni Stati membri. La questione della trasparenza vede su fronti opposti la Germania (contraria a rendere pubblici i particolari dei contratti) e la Polonia (favorevole, anche perché paga prezzi più alti). Le proposte di cui ha parlato Sefcovic saranno adottate in attuazione del pacchetto dell'Unione dell'Energia, approvato non senza fatica lo scorso marzo dal Consiglio Ue, proprio per via dei dissidi sulla trasparenza dei contratti.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]