Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ue, assegnati 150 milioni per le interconnessioni
15/07/2015 - Pubblicato in news internazionali

I governi dei Paesi Ue hanno approvato la proposta della Commissione relativa al finanziamento delle prime venti infrastrutture di interconnessione, assegnando un totale di 150 milioni di euro a progetti situati soprattutto in Europa Centro Orientale, Sud Orientale e nel Baltico.  Undici dei venti progetti, selezionati attraverso il bando Cef “Connecting Europe Facility”, riguardano il gas per un valore complessivo di 80 milioni. gli altri nove sono elettrici e hanno raccolto 70 milioni. I fondi sono andati in parte per la realizzazione di studi di e progetti esecutivi (17 progetti per 30 milioni), in parte per lavori di costruzione (3 progetti per 120 milioni). Tra i progetti selezionati, lo studio per il gasdotto da Malta a Gela con rigassificatore Fsru, lo studio di ingegneria per i gasdotti Tanap, Scp e Tcp e lo studio di pre fattibilità dell'EastMed, la pipeline dall'offshore di Cipro alla Grecia attraverso Creta. Finanziati anche l'ampliamento dello stoccaggio gas di Chiren in Bulgaria, i lavori sul collegamento tra Polonia e Repubblica Ceca, il collegamento sottomarino tra Francia e Irlanda e un interconnector tra Lituania e gli altri Paesi baltici.

Fonte: Staffetta Quotidiana 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]