Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ue 2030, Patuanelli: evitare ulteriori aggravi per l'Italia
24/09/2019 - Pubblicato in news nazionali

Evitare ulteriori aggravi per l'Italia e sollecitare piuttosto i Paesi con maggiore divario rispetto agli obbiettivi al 2030. È questa la posizione espressa questa mattina a Bruxelles a nome dell'Italia dal ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli in occasione del Consiglio energia: il gap tra gli obiettivi Ue al 2030 e gli impegni inseriti nei Piani energia e clima dei 28, ha detto in sostanza Patuanelli, deve essere colmato dai Paesi che presentano un maggiore divario rispetto ai target e un maggiore spazio di miglioramento; la Commissione non deve invece chiedere ulteriori sforzi a Paesi come l'Italia che hanno già un'alta efficienza energetica e per i quali gli interventi sarebbero più costosi e impatterebbero su aziende e consumatori”. A giugno la Commissione aveva chiesto di verificare che gli strumenti individuati “permettano risparmi adeguati anche nel periodo 2021-2030”, in realtà il problema riguarda l'obiettivo complessivo dei 28, che rischia di pesare di più sui Paesi che di fatto hanno già compiuto più sforzi. Il ministro ha dunque confermato che il Governo italiano proseguirà con il Piano nazionale “ed è senz'altro intenzionato a proseguire nella strada individuata tenendo fede a quanto a prefissato e accelerando le fasi attuative”. Nel programma del nuovo Governo, ha aggiunto, Ambiente e Sviluppo sostenibile sono due elementi chiave del programma.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]