Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ue, nel 2014 aumenta la dipendenza energetica
09/02/2016 - Pubblicato in news internazionali

La dipendenza energetica dell'Ue nel 2014 è stata del 53,4%, in aumento rispetto al 2013 (+0,3%), il che vuol dire che l'Unione europea “ha avuto bisogno di importare poco più della metà consumata” nell'anno di riferimento. Lo rileva Eurostat nell'ultimo rapporto sulla dipendenza energetica. La dipendenza energetica è stata più alta rispetto al 1990 ma leggermente inferiore al picco toccato nel 2008 del 54,5%. L'evoluzione della dipendenza energetica non è stata costante dal 1990 al 2014 ma è risultata stabilmente sopra il 50% dal 2004. Italia (75,9% dei consumi soddisfatti da import), Spagna (72,9%) e Germania (61,4%) sono i tre Paesi tra le principali economie dell'Ue a maggior dipendenza da importazioni energetiche, mentre i meno dipendenti sono Regno Unito (45,5% dei consumi), Francia (46,1%). In assoluto dipendono dall'import Malta (97,7% ), Lussemburgo (96,6%) e Cipro (93,4%). I dati Eurostat mostrano anche come la dipendenza del nostro Paese sia in controtendenza rispetto all'Ue. E' vero che il nostro valore è più alto di quello medio europeo (53,4%), ma la nostra dipendenza, dopo il picco dell'85,9% raggiunto nel 2006, diminuisce costantemente mentre quella dell'Ue aumenta e si colloca stabilmente sopra il 50% dal 2004.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]

Il gas, economico e green, affossa il carbone

In nome dell’ambiente, ma anche dell’economia. Il ruolo del carbone nella generazione elettrica sta tramontando a una velocità senza precedenti in Europa
[leggi tutto…]