Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Turchia di Erdogan lancia la sfida a Eni in Libia
17/01/2020 - Pubblicato in news internazionali

Il presidente turco Erdogan ha annunciato che quest’anno avvierà attività di esplorazione e perforazione nel Mediterraneo nelle zone inquadrate dall’accordo sulla demarcazione dei confini marittimi con la Libia. Lo scorso novembre Erdogan ha firmato con il governo di accordo nazionale guidato da al Serraj un’intesa che delimita i confini marittimi dei due paesi in modo da creare un’area economica esclusiva in comune. L’intesa è contestata da Grecia, Egitto e Unione Europea. La Turchia vuole controllare le aree petrolifere attorno all’isola di Cipro e impedire la posa del futuro gasdotto EastMed. L’EastMed è guardato con grande attenzione da Eni perché potrebbe trasportare il gas trovato dall’azienda nel giacimento Zohr. L’arrivo dei soldati turchi in Libia può inoltre arrivare a mettere a rischio gli impianti Eni nel Paese e a impedire eventuali ricerche in alcune aree.

Fonte: MF – Ester Corvi (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]