Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Turchia di Erdogan lancia la sfida a Eni in Libia
17/01/2020 - Pubblicato in news internazionali

Il presidente turco Erdogan ha annunciato che quest’anno avvierà attività di esplorazione e perforazione nel Mediterraneo nelle zone inquadrate dall’accordo sulla demarcazione dei confini marittimi con la Libia. Lo scorso novembre Erdogan ha firmato con il governo di accordo nazionale guidato da al Serraj un’intesa che delimita i confini marittimi dei due paesi in modo da creare un’area economica esclusiva in comune. L’intesa è contestata da Grecia, Egitto e Unione Europea. La Turchia vuole controllare le aree petrolifere attorno all’isola di Cipro e impedire la posa del futuro gasdotto EastMed. L’EastMed è guardato con grande attenzione da Eni perché potrebbe trasportare il gas trovato dall’azienda nel giacimento Zohr. L’arrivo dei soldati turchi in Libia può inoltre arrivare a mettere a rischio gli impianti Eni nel Paese e a impedire eventuali ricerche in alcune aree.

Fonte: MF – Ester Corvi (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]