Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Trump twitta e il petrolio sale
12/04/2018 - Pubblicato in news internazionali

I venti di guerra in Siria e le sanzioni americane contro la Russia continuano a pesare sui mercati. Ieri è da registrare l’impennata dei prezzi del petrolio, che hanno toccato i massimi dal dicembre 2014: il Wti è salito al 2% a 66,83 dollari al barile, il Brent dell’1,4% a 72,02. Mentre alla borsa di Mosca l’indice Moex denominato in rubli, ha ceduto il 2,3% e l’indice Rts ha perso lo 0,7%. A gettare benzina sul fuoco, è stato un tweet del presidente Trump con cui ha avvertito: “La Russia promette di abbattere tutti i missili sparati contro la Siria. Russia preparati, perché arriveranno missili belli, nuovi e intelligenti! Non dovreste essere partner di un animale chi uccide con il gas il suo popolo e si diverte!”. Secondo i dati del Dipartimento dell’Energia Usa, le scorte settimanali di greggio Usa sono risultate pari a 428,638 mln di barili, in aumento di 3,306 mln di barili rispetto alla settimana precedente.

Fonte: MF – Marcello Bussi (pag. 5)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]