Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Trump twitta e il petrolio sale
12/04/2018 - Pubblicato in news internazionali

I venti di guerra in Siria e le sanzioni americane contro la Russia continuano a pesare sui mercati. Ieri è da registrare l’impennata dei prezzi del petrolio, che hanno toccato i massimi dal dicembre 2014: il Wti è salito al 2% a 66,83 dollari al barile, il Brent dell’1,4% a 72,02. Mentre alla borsa di Mosca l’indice Moex denominato in rubli, ha ceduto il 2,3% e l’indice Rts ha perso lo 0,7%. A gettare benzina sul fuoco, è stato un tweet del presidente Trump con cui ha avvertito: “La Russia promette di abbattere tutti i missili sparati contro la Siria. Russia preparati, perché arriveranno missili belli, nuovi e intelligenti! Non dovreste essere partner di un animale chi uccide con il gas il suo popolo e si diverte!”. Secondo i dati del Dipartimento dell’Energia Usa, le scorte settimanali di greggio Usa sono risultate pari a 428,638 mln di barili, in aumento di 3,306 mln di barili rispetto alla settimana precedente.

Fonte: MF – Marcello Bussi (pag. 5)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Green new deal, la Speranza per il futuro

La Banca europea per gli investimenti ha approvato la nuova politica per l’energia.
[leggi tutto…]

Primato mondiale per petrolio e gas

Gli Stati Uniti sono diventati il più grande produttore di petrolio al mondo, oltre che di gas naturale
[leggi tutto…]

Snam, il core business spinge utile e marginalità

Sfruttando la positiva performance del business del trasporto gas e il mix di efficientamento della gestione operativa e ottimizzazione della struttura finanziaria, Snam ha i principali indicatori in crescita e con una netta accelerazione
[leggi tutto…]