Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Trump: shale e carbone pulito nei primi 100 giorni
23/11/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news internazionali

Stati Uniti fuori dal partenariato trans-Pacifico e deregulation nel settore dell'energia, semplificazione amministrativa, controlli più stringenti sui visti, protezione dai cyberattacchi per le strutture strategiche e divieto per gli amministratori di diventare lobbisti nei cinque anni successivi al termine del loro ufficio. Queste le mosse dei primi 100 giorni che il neo-eletto presidente degli Stati Uniti. L'intento è quello di “mettere l'America al primo posto”. In cima alla lista dei provvedimenti delineati con l'aiuto del suo staff l'esclusione dal Trans-Pacific Partnership (Tpp), in secondo luogo il potenziamento del settore energetico con la cancellazione delle  “restrizioni killer per il lavoro sulla produzione di energia americana, compresa l'energia dallo shale e il carbone pulito, creando milioni di posti di lavoro ben pagati”. Un programma che avvalora tutti i pronostici sul cosiddetto “effetto Trump” nel settore energia.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam, sprint su rete e progetti

Se c’è un dato che più di altri racconta il potenziale di Snam sul fronte dell’idrogeno è che il 70% dei suoi metanodotti è realizzato con tubi pronti ad accoglierne il passaggio. Non a caso, ad aprile 2019, la soci
[leggi tutto…]

L’idrogeno dà prospettiva a Snam

Snam avrà un ruolo crescente nella transizione energetica basata anche sull’idrogeno
[leggi tutto…]

Gas, a giugno calo consumi limita i danni: -5,1%

I consumi di gas naturale nel mese di giugno registrano un nuovo calo, ma a cifra singola, con un ritorno alla normalità dei consumi civili che attenua l'impatto delle flessioni nell'industria e nel termoelettrico.
[leggi tutto…]