Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Trump: shale e carbone pulito nei primi 100 giorni
23/11/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news internazionali

Stati Uniti fuori dal partenariato trans-Pacifico e deregulation nel settore dell'energia, semplificazione amministrativa, controlli più stringenti sui visti, protezione dai cyberattacchi per le strutture strategiche e divieto per gli amministratori di diventare lobbisti nei cinque anni successivi al termine del loro ufficio. Queste le mosse dei primi 100 giorni che il neo-eletto presidente degli Stati Uniti. L'intento è quello di “mettere l'America al primo posto”. In cima alla lista dei provvedimenti delineati con l'aiuto del suo staff l'esclusione dal Trans-Pacific Partnership (Tpp), in secondo luogo il potenziamento del settore energetico con la cancellazione delle  “restrizioni killer per il lavoro sulla produzione di energia americana, compresa l'energia dallo shale e il carbone pulito, creando milioni di posti di lavoro ben pagati”. Un programma che avvalora tutti i pronostici sul cosiddetto “effetto Trump” nel settore energia.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>

Da un lato la domanda di petrolio che fatica a recuperare i livelli pre Covid, dall’altro le disciplina sui tagli di produzione che dopo mesi di estremo rigore è tornata a vacillare.
[leggi tutto…]

Ets, assegnazioni gratuite nel mirino

Tempo di ripensamenti per le allocazioni gratuite Ets, il sistema disegnato per contrastare la rilocalizzazione delle industrie europee al di fuori della Ue a causa dei costi della CO2
[leggi tutto…]

Transizione energetica non indolore

L’energia è al centro delle politiche dell’Unione europea, negli anni integrata dall’ambiente
[leggi tutto…]