Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Trump: shale e carbone pulito nei primi 100 giorni
23/11/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news internazionali

Stati Uniti fuori dal partenariato trans-Pacifico e deregulation nel settore dell'energia, semplificazione amministrativa, controlli più stringenti sui visti, protezione dai cyberattacchi per le strutture strategiche e divieto per gli amministratori di diventare lobbisti nei cinque anni successivi al termine del loro ufficio. Queste le mosse dei primi 100 giorni che il neo-eletto presidente degli Stati Uniti. L'intento è quello di “mettere l'America al primo posto”. In cima alla lista dei provvedimenti delineati con l'aiuto del suo staff l'esclusione dal Trans-Pacific Partnership (Tpp), in secondo luogo il potenziamento del settore energetico con la cancellazione delle  “restrizioni killer per il lavoro sulla produzione di energia americana, compresa l'energia dallo shale e il carbone pulito, creando milioni di posti di lavoro ben pagati”. Un programma che avvalora tutti i pronostici sul cosiddetto “effetto Trump” nel settore energia.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]