Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Trump punta al gas libico e offre all’Italia pozzi nel Golfo del Messico
30/07/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Sul piano politico, la logica dell’incontro di oggi tra il Presidente Trump e il premier Conte è chiara. Trump ha bisogno di una sponda in Europa per arginare i progetti unitari franco-tedeschi; Conte ha bisogno di legittimazione. La guerra dei dazi sembra scongiurata, dopo il vertice con Junker, ma Conte sarebbe felice se Trump dimostrasse la sua amicizia con gesti concreti per favorire la nostra economica. Gli americani vorrebbero lavorare sul gas in Libai e l’Eni potrebbe dare loro una quota, in cambio di una licenza per operare nei giacimenti di petrolio e gas nel Golfo del Messico. Il segretario dell’Energia Perry ha parlato con la Casa Bianca in vista della visita di Conte, sollecitando Trump a sollevare con forza la questione del gasdotto Tap nel capitolo sicurezza energetica. Dopo le critiche al Nord Stream 2, questa opera porterebbe in Italia il 15% del suo fabbisogno, e offrirebbe all’Europa una delle alternative alle forniture russe. La Socar, consociata azera del progetto, ci ha recapitato il prospetto dei danni che lo stop italiano provocherebbe, stimati fra 43 e 76 miliardi di euro. Voce per voce, sarebbero 5,3 miliardi per i costi sostenuti per l’opera, 12 per il lucro cessante, 17 per il margine perso a causa dell’impossibilità di vendere in Italia, 3 per il costo maggiorato dell’approvvigionamento, 2 per il mancato gettito fiscale e fino a 37 miliardi per l’impatto sul Sistema Italia.

Fonte: La Stampa – Paolo Mastrolilli (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]