Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Trump contro Opec, giù il petrolio
21/04/2018 - Pubblicato in news internazionali

Dopo aver gettato nel caos il mercato dei metalli, con dazi contro la Cina e sanzioni contro la Russia, Donald Trump ora mette nel mirino l’Opec, accusandola di mantenere i prezzi del petrolio artificialmente molto alti». L’attacco del presidente americano è arrivato come al solito con un tweet, diffuso proprio mentre in Arabia Saudita era in corso un vertice ristretto tra alcuni ministri dell’Organizzazione e di altri Paesi alleati nel taglio della produzione di greggio. Tra i presenti anche il russo Alexander Novak e ovviamente il padrone di casa, Khalid Al Falih, che non ha esitato a replicare: «Non esiste un prezzo artificiale del petrolio, è il mercato che determina i prezzi». Il segretario generale dell’Opec, Mohammed Barkindo, che ha incontrato più volte rappresentanti di società americane dello shale oil, è apparso quasi piccato: «Noi dell’Opec siamo orgogliosi di essere amici degli Stati Uniti – ha detto – Non abbiamo nessun obiettivo di prezzo. I nostri tagli hanno salvato l’industria petrolifera da un crollo imminente e ora stanno riportando la stabilità sul mercato». I toni scelti da Trump sono molto simili a quelli che in altre occasioni hanno alimentato il timore di guerre commerciali. «Sembra che ci sia di nuovo di mezzo l’Opec – ha scritto l’inquilino della Casa Bianca – Con quantità record di petrolio ovunque, anche su navi stracariche in mare, i prezzi del greggio sono artificialmente molto alti! Non va bene e non sarà accettato!». Negli ultimi giorni le quotazioni del barile hanno in effetti accelerato il ralIy fino a spingersi al record dal 2014, vicino a 75 dollari nel caso del Brent e a 70 dollari nel caso del Wti. Il tweet dipinge condizioni di mercato che non corrispondono più alla realtà: l’eccesso di offerta è un problema del passato. Le scorte petrolifere sono crollate – in gran parte proprio per effetto dei tagli, senza precedenti, effettuati da Opec e Russia – e il mercato teme piuttosto di doversi confrontare con una scarsità di greggio. È anche per questo che il prezzo del barile ha ripreso a correre.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]