Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “C’è troppo greggio. Ormai resta in nave ed è un rischio”
19/04/2016 - Pubblicato in news internazionali

Per il petrolio è ricominciata la via al ribasso. Tuttavia, secondo Leonardo Maugeri, docente di economia dell’energia ad Harvard, i giganti dello shale oil continuano malgrado tutto a fare profitti e ad assorbire i produttori minori, quest’ultimi sì in difficoltà. Gli stoccaggi in tutto il mondo, prosegue Maugeri, sono colmi fino all’orlo, ormai il petrolio viene conservato sulle navi con tutti i rischi ambientali del caso e questo perché fra il 2010 e il 2014 sono stati fatti investimenti ingenti che non si possono fermare a meno di perdite paurose. In queste condizioni è difficile ipotizzare una soluzione, conclude l’economista, storicamente le crisi geopolitiche hanno avuto incidenza sui prezzi del petrolio quando la capacità produttiva non utilizzata era bassa, mentre oggi ci sono quasi 5 milioni di barili di capacità non utilizzata.

Fonte: La Repubblica – e.oc. (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]