Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio
20/01/2020 - Pubblicato in news internazionali

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare. Il giacimento si trova a largo delle coste angolane. L’azienda ha comunicato che la danese Maersk Drilling sarà incaricata del processo di esplorazione che raggiungerà i 3.628 metri di profondità. Le operazioni dovrebbero durare 8 mesi per un costo di 46,3 milioni di euro. L’Angola rimane il secondo paese produttore di petrolio nell’Africa sub-sahariana dopo la Nigeria, con una produzione di 1,37 milioni di barili al giorno.

Fonte: La Stampa – Lorenzo Simoncelli (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]