Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La trazione al gas delle aziende energivore necessita d’incentivi
10/12/2019 - Pubblicato in news nazionali

Il gruppo tecnico energia di Confindustria si prepara a riaprire il tavolo di confronto con il Governo. L’obiettivo è di trovare un confronto con il Ministro dello sviluppo economico Patuanelli già entro la fine dell’anno. Sul tavolo c’è la discussione sulla transizione dell’industria manifatturiera italiana verso gli scenari green dell’Ue. A essere coinvolti sono soprattutto gli energivori, come le industrie di produzione dell’acciaio, del vetro, della ceramica, del cemento, ma anche la chimica e le fonderie, che già hanno nei costi dell’energia un fattore competitivo determinante. Filiere che in alcuni casi già ora, in larga parte per fattori congiunturali, stanno mostrando grandi difficoltà. La decarbonizzazione, in sintesi, può essere una grande opportunità, ma le imprese vanno messe nella condizione di coglierla. Il gas sarà protagonista della transizione. Per l’Italia è un’opportunità in più, vista la sua collocazione naturale ad essere un hub dei flussi dal mediterraneo verso il continente. Con una bolletta che sposterà progressivamente il suo baricentro verso il gas, gli imprenditori del gruppo tecnico sono concordi nel ritenere necessario che venga applicato alle tariffe di fornitura uno strumento di defiscalizzazione di quegli oneri legati al sostegno delle politiche per la lotta ai cambiamenti climatici; in pratica la stessa cosa di quello che avviene oggi con l’ex art. 39, nell’elettricità. L’altro obiettivo è quello di confermare ed estendere oltre il 2021 le forme di supporto agli energivori.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Matteo Menenghello (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Lezioni da Davos: il rilancio <<verde>> di von der Leyen e il rischio di scontro sul commercio con Usa e Cina

Era da più di dieci anni che l’Europa cercava un ruolo internazionale trovato a Davos
[leggi tutto…]

Il Piano nazionale energia frena sull’addio al carbone nel 2025

Sull’addio al carbone nel 2025 il governo italiano è molto più cauto
[leggi tutto…]

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]