Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La trazione al gas delle aziende energivore necessita d’incentivi
10/12/2019 - Pubblicato in news nazionali

Il gruppo tecnico energia di Confindustria si prepara a riaprire il tavolo di confronto con il Governo. L’obiettivo è di trovare un confronto con il Ministro dello sviluppo economico Patuanelli già entro la fine dell’anno. Sul tavolo c’è la discussione sulla transizione dell’industria manifatturiera italiana verso gli scenari green dell’Ue. A essere coinvolti sono soprattutto gli energivori, come le industrie di produzione dell’acciaio, del vetro, della ceramica, del cemento, ma anche la chimica e le fonderie, che già hanno nei costi dell’energia un fattore competitivo determinante. Filiere che in alcuni casi già ora, in larga parte per fattori congiunturali, stanno mostrando grandi difficoltà. La decarbonizzazione, in sintesi, può essere una grande opportunità, ma le imprese vanno messe nella condizione di coglierla. Il gas sarà protagonista della transizione. Per l’Italia è un’opportunità in più, vista la sua collocazione naturale ad essere un hub dei flussi dal mediterraneo verso il continente. Con una bolletta che sposterà progressivamente il suo baricentro verso il gas, gli imprenditori del gruppo tecnico sono concordi nel ritenere necessario che venga applicato alle tariffe di fornitura uno strumento di defiscalizzazione di quegli oneri legati al sostegno delle politiche per la lotta ai cambiamenti climatici; in pratica la stessa cosa di quello che avviene oggi con l’ex art. 39, nell’elettricità. L’altro obiettivo è quello di confermare ed estendere oltre il 2021 le forme di supporto agli energivori.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Matteo Menenghello (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]