Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Trasporto gas al termoelettrico, Autorità si mette al lavoro
08/09/2015 - Pubblicato in news nazionali

L'Autorità per l'energia ha avviato due procedimenti per ottemperare alle sentenze del Consiglio di Stato che nei mesi scorsi l'hanno vista soccombente in tema di tariffe di trasporto gas per i produttori termoelettrici. Si tratta in particolare della sentenza 2888 del giugno 2015, che, accogliendo anche in secondo grado le ragioni di Enel Trade, ha giudicato la proporzione fissata dall'Aeegsi tra componente capacity e commodity nell'attribuzione dei ricavi nelle tariffe per il 2010-2013 come ingiustamente penalizzante per chi importa molto dal Nord Africa, entrando nella rete nazionale da Sud, come appunto Enel. La seconda sentenza è la 3735 di fine luglio, censura il fatto che le tariffe 2014-2017 non prevedano un adeguato meccanismo di degressività per i produttori termoelettrici. In questo caso il ricorso originario era di Tirreno Power, Axpo e Sorgenia. Nel primo caso comunque l'Autorità non ha rinunciato a giocare un'ultima carta giudiziale chiedendo al Consiglio di Stato una revocazione della sentenza, annullamento che il Cds può disporre (e di rado dispone) esclusivamente in presenza di errori formali-procedurali da esso stesso commessi. Nel secondo caso il regolatore ha stabilito che nelle more del completamento del procedimento di ricalcolo, si continueranno ad applicare i corrispettivi quelle sinora vigenti.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]

Snam guarda agli Emirati e valuta il dossier Adnoc

I piani di crescita di Snam potrebbero condurla sino in Medio Oriente
[leggi tutto…]

Il crac dello shale oil minaccia il mercato corporate mondiale

E’ nelle pianure del Texas la miccia che potrebbe far esplodere la bomba del debito corporate
[leggi tutto…]