Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Transizione e phase-out, sindacati chiedono incontro al Governo
23/07/2019 - Pubblicato in news nazionali

Una “convocazione urgente di un incontro” per discutere delle modalità della transizione energetica e in particolare del phase-out del carbone. E’ quanto chiedono le segreterie nazionali di Cgil Cisl Uil e le Federazioni di categoria Filctem, Flaei e Uiltec al premier Giuseppe Conte e ai ministri Luigi Di Maio (Mise) e Sergio Costa (Minambiente). In una lettera, hanno spiegato che la transizione energetica ha aperto una fase molto delicata per il futuro industriale, partendo dai siti soggetti al phase-out del carbone. Serve un costante monitoraggio degli obiettivi contenuti nel Pniec e degli impegni internazionali sottoscritti dal nostro Paese. La transizione, proseguono i sindacati, necessita inoltre “di un insieme di interventi strutturali di sistema finalizzati alla sicurezza e sviluppo della rete, tra i quali la costruzione e messa in esercizio di un limitato numero di centrali turbogas, indispensabili a garantire la transizione”. Interventi che “comportano investimenti economici rilevantissimi”. Pertanto, i sindacati ritengono “non più rinviabile un ‘focus’ specifico dei progetti presentati per la sostituzione delle centrali elettriche a carbone e per la procedura autorizzativa che il Governo vuole seguire per dare rapida certezza di realizzazione agli investimenti proposti da parte dei produttori di energia ed a quelli strutturali di sistema necessari al compimento della transizione energetica italiana”.

Fonte: Quotidiano Energia

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]

Gas, scatta la maxi speculazione. In Europa volatilità da Bitcoin

Gas come il Bitcoin, condizioni senza precedenti quelle in cui è precipitato il mercato, con i vertiginosi rincari del Gnl in Asia che hanno innescato un’ estrema volatilità sugli hub europei
[leggi tutto…]