Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Total e Shell chiudono trimestre con utili record
27/04/2018 - Pubblicato in news internazionali

I conti del primo trimestre delle due major del petrolio Total e Royal Dutch Shell hanno confermato il momento favorevole per il settore oil. Total ha registrato un utile netto nei primi tre mesi del 2018 di 2,64 miliardi di dollari e ha alzato il dividendo provvisorio  0,64 dollari per azione. L’utile netto rettificato è stato di 2,9 miliardi di dollari, mentre le vendite si sono attestate a 49,61 miliardi di dollari. La società ha anche comunicato che supererà l’obiettivo di produzione per il 2018. Total ha prodotto 2,7 milioni di barili di petrolio al giorno nel primo trimestre, grazie all’aumento di produzione e alle nuove acquisizioni, il 5% in più rispetto allo stesso periodo del 2017. Per Royal Dutch Shell l’utile netto nello stesso periodo di è attestato a 5,9 miliardi di dollari. La società ha spiegato che i buoni risultati in termini di utili sono stati possibili grazie al più alto prezzo di petrolio e gas e alla continua crescita del business del gas integrato. Shell ha anche comunicato che grazie ai progressi del piano di disinvestimento e all’outlook in termini di free cash flow, l’obiettivo di un buy back di almeno 25 milioni di azioni dal 2018 al 2020 potrà essere realizzato.

Fonte: MF – Roberta Castellarin (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]