Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Total si rifugia nel profit warning
20/01/2016 - Pubblicato in news nazionali

Total registrerà nel 2015 un calo dell'utile netto del 20% a causa del crollo dei prezzi del petrolio. Lo ha anticipato il ceo, Patrick Pouyanne pur sottolineando la resistenza del suo gruppo in questo difficile contesto. “I risultati di Total resistono, perché non siamo solo nella produzione di petrolio, ma anche nella lavorazione, nella raffinazione, nella distribuzione, in tutta la catena”, ha dichiarato Pouyanne alla radio Europe 1. “I nostri profitti sono caduti. Da quando il prezzo del petrolio ha iniziato a crollare negli ultimi mesi del 2014, Total ha tagliato le spese in conto capitale e i costi operativi aumentando al contempo la produzione con l'obiettivo di mitigare l'impatto della debolezza delle quotazioni del greggio sul conto economico. La major transalpina ha però subito comunque le conseguenze del difficile contesto del mercato. Total ha infatti registrato nei primi nove mesi dell'anno scorso un calo dell'utile netto rettificato del 20% circa. Per Pouyanne il prezzo del petrolio, ad un certo punto dovrà salire, ma non ha fornito una tempistica certa su uno sviluppo auspicato da tutto il settore petrolifero.

Fonte: Milao Finanza

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]