Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Terna segna il record di ricavi
22/03/2016 - Pubblicato in news nazionali

Anno da incorniciare per Terna il 2015. Nel passato esercizio infatti il gruppo ha realizzato ricavi per la prima volta superiori ai 2 miliardi a 2.082,1 milioni di euro (+4,3%), un utile netto di 595,5 milioni (+9,4%) e un ebitda a 1.539,2 milioni (+3,2%). Il dividendo proposto per il 2015, si legge in un comunicato della società, è pari a 20 centesimi di euro per azione. "I risultati del 2015 confermano il trend di solida crescita del Gruppo Terna che, grazie anche all'operazione di acquisizione della rete in alta tensione di Ferrovie dello Stato conclusa nel dicembre scorso, consolida il proprio ruolo di leader tra i gestori di rete europei". Questo il commento dell'ad Matteo Del Fante. "Il nostro impegno - aggiunge - proseguirà nello sviluppo delle Attivita' Regolate, con la realizzazione di infrastrutture per il trasporto dell'elettricità, nonché sulle Attivita' Non Regolate e sulla razionalizzazione dei processi e dei costi operativi. A livello di sistema, inoltre, la continua ricerca di nuove soluzioni tecnologiche, oltre al lavoro di ottimizzazione delle attività di dispacciamento, consentiranno di generare ancora consistenti risparmi per famiglie e imprese ed evidenti benefici ambientali, grazie ad una sempre maggiore integrazione della produzione da fonte rinnovabile".

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 13

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]