Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Tensione Roma-Ankara per la piattaforma Eni bloccata dai turchi
12/02/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

La vicenda della Saipem 12000, la piattaforma dell’Eni bloccata l’altra sera da navi da guerra di Ankara mentre si spostava da un pozzo all’altro in zona di trivellazioni, rischia di diventare un bracci di ferra spiacevole. La partita in gioco è questa. La Saipem 12000, come ricorda l’Eni, “ha in programma attività di perforazione nel blocco 3 della zona economica esclusiva della Repubblica di Cipro”. Dove il gruppo italiano detiene interessi in sei licenze e cinque in qualità di operatore. Solo qualche giorno fa ha quindi annunciato di aver effettuato una scoperta di gas nel Blocco 6: si tratta di una “promettente scoperta”. Ma quelle acque sono territorialmente contese, nella disputa annosa che vede la Cipro greca contrapposta a quella turca. In cui Ankara è pure interessata a esplorare il gas. Così dopo lo stop alla nave italiana è attivato anche l’altolà agli altri. “Ci aspettiamo – si legge in una nota del ministero deli Esteri turco – che le compagnie con sede in paesi terzi si astengano dal sostenere questa linea greco-cipriota non costruttiva”. Replica di Nicosia, per bocca di Anastasiades: “Con tristezza siamo assistendo alle azioni della Turchia che violano il diritto internazionale”. L’Italia segue da vicino il caso con i suoi ambasciatori ad Ankara e Nicosia.

Fonte: La Repubblica – Marco Ansaldo (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’ok USA a Nord Stream 2. Merkel: mano tesa a Putin

La prima tappa del viaggio europeo del Segretario di Stato americano Anthony Blinken a Berlino potrebbe coincidere con una svolta nei rapporti tra UE e Russia.
[leggi tutto…]

Eni, nuova scoperta nel Mare del Nord

Eni centra un altro traguardo in Norvegia dove ieri ha annunciato una nuova scoperta a olio e gas nel Marte del Nord Meridionale
[leggi tutto…]

Volete le emissioni zero? Triplicate il verde

Gli investimenti nell’energia cresceranno del 10% quest’anno, fino a 1900 miliardi di dollari, recuperando la maggior parte del crollo dell’anno scorso causato dalla pandemia
[leggi tutto…]