Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “La tecnologia spingerà il mercato. Snam è attrezzata per vincere la sfida”
20/11/2017 - Pubblicato in news nazionali

La domanda globale di gas naturale crescerà più rapidamente rispetto a quella degli altri combustibili fossili da ora fino al 2030. Le previsioni del World Energy Outlook della Iea si aspettano un aumento della domanda di gas dell’1,6%/annuo per il periodo 2016-2040. Aumento che consentirà al gas di superare il carbone e di diventare il secondo pilastro del mix energetico globale già a partire dal 2035. La stesse previsioni stimano un aumento nei consumi del gas del 45% nei prossimi 25 anni, di cui circa l’80% nei paesi in via di sviluppo in Asia, Africa, America Latina e Medio Oriente. In uno scenario energetico in continua evoluzione l’Italia giocherà un ruolo allineato alla Sen: uscita anticipata dal carbone nella generazione elettrica tra soli 8 anni; progressiva affermazione del gas naturale; corridoi di liquidità. Secondo Guido Bortoni, presidente dell’AEEGSI, il punto di non ritorno è dato dall’importanza del ruolo del gas nella transizione energetica. Luigi Ferraris, ceo di Terna indica nel gas una delle soluzioni cruciali per affrontare la transizione energetica. Sulla centralità del gas nel futuro energetico parla anche Stefano Cao, ceo di Saipem, il quale è convito che per crescere oltre confine l’Italia debba fare sistema.

Fonte: La Repubblica, Affari e finanza – Vito de Ceglie (pag. 38)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]