Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “La tecnologia spingerà il mercato. Snam è attrezzata per vincere la sfida”
20/11/2017 - Pubblicato in news nazionali

La domanda globale di gas naturale crescerà più rapidamente rispetto a quella degli altri combustibili fossili da ora fino al 2030. Le previsioni del World Energy Outlook della Iea si aspettano un aumento della domanda di gas dell’1,6%/annuo per il periodo 2016-2040. Aumento che consentirà al gas di superare il carbone e di diventare il secondo pilastro del mix energetico globale già a partire dal 2035. La stesse previsioni stimano un aumento nei consumi del gas del 45% nei prossimi 25 anni, di cui circa l’80% nei paesi in via di sviluppo in Asia, Africa, America Latina e Medio Oriente. In uno scenario energetico in continua evoluzione l’Italia giocherà un ruolo allineato alla Sen: uscita anticipata dal carbone nella generazione elettrica tra soli 8 anni; progressiva affermazione del gas naturale; corridoi di liquidità. Secondo Guido Bortoni, presidente dell’AEEGSI, il punto di non ritorno è dato dall’importanza del ruolo del gas nella transizione energetica. Luigi Ferraris, ceo di Terna indica nel gas una delle soluzioni cruciali per affrontare la transizione energetica. Sulla centralità del gas nel futuro energetico parla anche Stefano Cao, ceo di Saipem, il quale è convito che per crescere oltre confine l’Italia debba fare sistema.

Fonte: La Repubblica, Affari e finanza – Vito de Ceglie (pag. 38)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]