Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Tavolo industria-governo sul costo dell’energia e sulla decarbonizzazione
26/07/2019 - Pubblicato in news nazionali

Con l’incontro che si è svolto ieri, giovedì 25 luglio, al Ministero dello Sviluppo economico tra i rappresentanti dell’industria energivora e il sottosegretario Davide Crippa, si apre di fatto un tavolo sui temi delle agevolazioni e della transazione verso la decarbonizzazione al 2025 (Pniec). Alcuni possibili interventi sul settore energetico, potrebbero essere oggetto di un prossimo disegno di legge. La delegazione delle industrie a più alto consumo di energia era guidata da Giuseppe Pasini, presidente del Comitato tecnico energia di Confindustria. Il Ministero dello Sviluppo ritiene essenziale il ruolo dell’industria per il raggiungimento dei target fissati dal Pniec. Nel corso dell’incontro di ieri, la rappresentanza degli industriali avrebbe parlato della disponibilità a investimento nel settore delle energie rinnovabili fino a 800 megawatt, per un impegno quantificabile in circa 500 milioni, attraverso il Consorzio Interconnector Italia che raggruppa imprese dell’acciaio, della carta e della chimica. La possibile operazione potrebbe essere oggetto del prossimo tavolo. Nel frattempo si attendono le scelte del Governo sul regime di agevolazione per le industrie ad alto consumo di gas, i «gasivori», dopo che non è stato completato il processo di notifica alla Commissione europea avviato dal precedente esecutivo. Altro tema considerato decisivo è la stabilità del regime degli «energivori», definito dall’articolo 39 del decreto sviluppo del 2012.

Fonte: Il Sole 24 Ore – C. Fo. (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]