Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Tariffe di luce e gas a due velocità
31/10/2015 - Pubblicato in aspetti tecnici

Andamento ondivago dei prezzi nel settore energetico, con spinte contraddittorie verso il rialzo e verso il ribasso. In ottobre i prezzi energetici sottoposti a tariffa regolata risultano in discesa attorno al -2% in un anno, e il metano addirittura ha segnato un -3,2%. Ma a fine settembre l'Autorità dell'energia e dell'acqua ha ritoccato in salitale tariffe, e quindi nell'ultimo mese i consumatori rimasti legati al segmento tutelato hanno visto una tendenza al rincaro (elettricità +2,9%, metano +1,9%). Quindi un andamento a due velocità, con un ribasso costante trainato dalle quotazioni sempre più deboli del greggio, ma una piccola volata di risalita a inizio dell'autunno. Il quadro sembra semplice, ma il mercato energetico non è fatto solamente dalle tariffe dell'Autorità dell'energia e dell'acqua. È libero il prezzo dei carburanti, e segue non solamente i listini petroliferi e le strategie delle compagnie, ma anche la propensione commerciale dei singoli benzinai. Ed è libero anche il listino di luce e gas venduti sul mercato libero alle imprese e alle famiglie che hanno firmato contratti nel segmento aperto alla competizione. E proprio questi consumatori che si sono affidati al mercato libero hanno avuto un beneficio di prezzo migliore rispetto ai consumatori tutelati dalle tariffe pubbliche: i listini energetici "non regolamentati" sono scesi nell'ultimo mese del -0,8%.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Impresa & Territori – J.G. (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]