Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Tap, stop ai lavori La procura di Lecce sequestra il cantiere
28/04/2018 - Pubblicato in news nazionali

La Procura di Lecce ha sequestrato ieri a Melendugno un tratto di circa un chilometro del tracciato nel quale sarà posato in Puglia il metanodotto Tap, in costruzione fra l’Azerbaigian e l’Europa. Sono stati sequestrati i 448 olivi che erano stati traslocati in via temporanea per consentire il passaggio del tubo, alberi che erano stati protetti contro il batterio della xylella il quale sta facendo strage di olivi in Puglia.  Martedì tre politici pugliesi (gli onorevoli Leonardo Donno e Diego De Lorenzis e la senatrice Daniela Donno, tutti del Movimento Cinque Stelle) avevano presentato alla Procura un esposto per denunciare quella che essi ritengono una violazione contro gli impegni ambientali imposti ai lavori di posa dal decreto di Via (valutazione d’impatto ambientale). Il sequestro è probatorio, cioè non è una sentenza bensì serve a verificare se la denuncia è fondata, e non ha interessato il cantiere di San Basilio in cui si sta scavando il tunnel per l’approdo della conduttura dall’Adriatico. In particolare potrebbe esserci un dissidio fra il paesaggio e la recinzione temporanea del cantiere di posa.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e territori - Jacopo Gilberto (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi ai massimi da novembre

In aumento le quotazioni del petrolio sui circuiti elettronici internazionali.
[leggi tutto…]

Phase out carbone, Crippa rilancia il cavo Sardegna-Sicilia

Il phase out del carbone in Sardegna si può gestire dalla Sicilia, valutando la possibilità di accorciare i tempi di realizzazione;
[leggi tutto…]

Petrolio in ripresa, ma tra Riad e Mosca l’alleanza è a rischio

L’asse petrolifero tra Russia e Arabia Saudita inizia a scricchiolare
[leggi tutto…]