Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Dal Tap ai rigassificatori si scalda il fronte energia
19/04/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il referendum dei no Triv è fallito. Ma le vie per bloccare o rallentare le opere sono infinite. Basta guardare quello che sta accadendo con il Tap, il gasdotto che dovrà portare in Italia il metano azero. Il governatore della Puglia, Michele Emiliano, che sul referendum anti-trivelle ha sfidato la leadership di Matteo Renzi nel Partito Democratico, è contrario anche a questo progetto, considerato invece dal governo essenziale per rendere l’approvvigionamento di gas per l’Italia più sicuro. Emiliano, insomma, potrebbe considerare il Tap come un terreno sul quale prendersi una rivincita. Il consorzio che deve costruire l’opera ha già tutte le autorizzazioni. I cantieri potrebbero cominciare. Il primo passo sarà spostare delle piante di ulivo, per poi scavare un pozzo dove far operare la talpa che dovrà realizzare il tunnel per far passare i tubi.

Fonte: Il Messaggero – Andrea Bassi (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]