Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Dal Tap ai rigassificatori si scalda il fronte energia
19/04/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il referendum dei no Triv è fallito. Ma le vie per bloccare o rallentare le opere sono infinite. Basta guardare quello che sta accadendo con il Tap, il gasdotto che dovrà portare in Italia il metano azero. Il governatore della Puglia, Michele Emiliano, che sul referendum anti-trivelle ha sfidato la leadership di Matteo Renzi nel Partito Democratico, è contrario anche a questo progetto, considerato invece dal governo essenziale per rendere l’approvvigionamento di gas per l’Italia più sicuro. Emiliano, insomma, potrebbe considerare il Tap come un terreno sul quale prendersi una rivincita. Il consorzio che deve costruire l’opera ha già tutte le autorizzazioni. I cantieri potrebbero cominciare. Il primo passo sarà spostare delle piante di ulivo, per poi scavare un pozzo dove far operare la talpa che dovrà realizzare il tunnel per far passare i tubi.

Fonte: Il Messaggero – Andrea Bassi (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]