Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Tap, posa dei tubi in Adriatico cinque anni dopo il via libera
15/01/2020 - Pubblicato in news nazionali

La costruzione del gasdotto Tap entra nella fase finale. La Valutazione di impatto ambientale è invece di settembre 2014, e l’Autorizzazione unica di maggio 2015. In mezzo, una valanga di ricorsi, impugnazioni ed esposti ad ogni livello possibile, con il Comune di Melendugno e la Regione Puglia nel ruolo di tenaci oppositori. E anche se restano aperte delle questioni giudiziarie, ora l’obiettivo è quello di mettere in esercizio l’impianto il prossimo primo ottobre mantenendo così la data di avvio nel 2020. L’opera può veicolare 10 miliardi di metri cubi annui di gas. La Castoro Sei tra meno di dieci giorni si muoverà verso San Foca e comincerà la posa in opera partendo dall’inserimento dei tubi nel microtunnel, che si sviluppa per 1.540 metri, di cui 600 dal cantiere fra gli ulivi di San Basilio fino alla battigia e altri 900 metri fra la spiaggia e lo sbocco in mare a una profondità di 28 metri. Si calcolano alcuni giorni per l’inserimento dei tubi nel microtunnel e quasi due mesi per raggiungere l’Albania. Circa la connessione del gasdotto alla rete Snam, si stanno posando le condotte. Sull’altra sponda dell’Adriatico, lavori finiti in Grecia e alle ultimissime battute in Albania dove si sta completando la stazione di compressione.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Domenico Palmiotti (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]