Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Tap, a Bonatti la posa dei tubi onshore in Grecia
05/03/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

La società Trans Adriatic Pipeline (Tap) ha assegnato gli appalti per la progettazione e posa in opera di circa 760 km di tubi onshore da 48 pollici (1,2 m) di diametro in Grecia e Albania. Tre dei lotti sono in Grecia e due in Albania. I lavori in Grecia sono stati assegnati a una joint venture tra Bonatti e la greca J&P Avax (circa 360 km di tubi tra Kavala e Ieropigi, al confine albanese). Alla francese Spiecapag sono stati affidati altri 185 km in Grecia tra Kipoi e Kavala e i due lotti in Albania (215 km in tutto) tra Bilisht e Topoje. La società transalpina si occuperà anche del passaggio del fiume al confine tra Grecia e Turchia, dove il gasdotto si collegherà al Tanap. Le attività di costruzione, si legge nella nota diffusa da Tap, inizieranno a metà 2016. Ian Bradshaw, managing director di Tap, ha commentato: “i contratti per la costruzione dei tratti onshore sono i più grandi che assegneremo. Le mie congratulazioni a Bonatti, J&P Avax e Spiecapag per avere presentato offerte non solo tecnicamente solide e competitive ma anche in linea con gli standard più elevati” Restano da assegnare ora soltanto la fornitura di tubi e la posa (Epc) per il tratto offshore.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dal gas alle reti, quattro mine sul Piano energia

La campanella suonerà il 31 dicembre quando tutti i paesi Ue dovranno presentare la versione definitiva dei Piani nazionali per l’energia e il clima
[leggi tutto…]

Phase out La Spezia, i sindacati: conversione a gas ed essenzialità

Per la prima volta tutti i partecipanti al tavolo del phase out (tranne il ministero dello Sviluppo economico) si incontreranno in pubblico per parlare della centrale a carbone di La Spezia.
[leggi tutto…]

L’ordine degli Usa a Salvini: “Fai completare il Tap”

Nel colloquio che Salvini ha avuto l’altro ieri con il vicepresidente statunitense Mike Pence è emerso un fattore che la delegazione italiana non aveva previsto: il Tap
[leggi tutto…]