Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Tap, Albania e Grecia già oltre il 50%
09/09/2017 - Pubblicato in news internazionali

Gasdotto Tap a due velocità. L'opera che dal 2020 porterà in Italia, approdando nel Salento, 10 miliardi di metri cubi annui di gas dall'Azerbajian è a più del 50 % della sua realizzazione a quasi 16 mesi dall'inizio della costruzione. Il calcolo, aggiornato a settembre, include l'ingegneria, l'approvvigionamento dei materiali e la costruzione. Ma il dato si riferisce a quanto fatto in Grecia e Albania, i due Paesi che insieme all'Italia saranno attraversati dall'infrastruttura. Qui, infatti, le aziende appaltatrici hanno predisposto circa il 70% del percorso del gasdotto: 539 chilometri su 765. Più del 45 % dei tubi in acciaio è già installato e le trincee riempite, il 95% circa dei 55mila tubi necessari consegnati. E in Italia? Sinora il progetto Tap si è caratterizzato più per lo scontro infinito tra Regione Puglia e Governo, col governatore pugliese Michele Emiliano che contesta l'approdo a San Foca, nel Salento, per la battaglia dei ricorsi tra Tar e Consiglio di Stato e per le enormi difficoltà incontrate a spostare temporaneamente gli ulivi dall'area di cantiere, che per l’avanzamento dei lavori. Tant'è che solo la fase 0, più che preliminare, è quasi definitivamente completata. La fase 0 è quella relativa al trasferimento degli ulivi. Poco più di 200 quelli che, a fatica, tra tensioni ed un massiccio dispiegamento di forze di polizia, sono stati messi a dimora in un altro sito autorizzato. Ne restano da trasferire altri 16, classificati come ulivi monumentali. I nodi principali riguardano invece le tre fasi successive attengono all'opera: la 1A relativa alla costruzione del pozzo di spinta nel quale sarà calato il mezzo meccanico che scaverà il percorso del microtunnel, la 1B sul microtunnel vero e proprio, la 2 per il terminale di ricezione. Tre passaggi che in gran parte devono ancora essere autorizzati.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impesa e territori – Domenico Palmiotti (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Carbone auf Wiedersehen, svolta verde in Germania

L’offensiva del Green Deal tedesco passa per un superamento del carbone, con la chiusura entro il 2038 delle centrali alimentate da questo combustibile altamente inquinante
[leggi tutto…]

La Turchia di Erdogan lancia la sfida a Eni in Libia

Il presidente turco Erdogan ha annunciato che quest’anno avvierà attività di esplorazione e perforazione nel Mediterraneo nelle zone inquadrate dall’accordo sulla demarcazione dei confini marittimi con la Libia
[leggi tutto…]

Transizione e gas, affare in commissione Industria Senato

La commissione Industria del Senato avvierà a breve un “affare assegnato” sulla transizione energetica e il ruolo del gas e delle altre fonti
[leggi tutto…]