Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Tagli alla produzione e maltempo in Usa. Petrolio a 70 dollari
12/01/2018 - Pubblicato in news internazionali

Le quotazioni del petrolio del Brent del Mare del Nord hanno superato quota 70 dollari al barile per la prima volta da dicembre 2014. I prezzi del greggio sono tornati sui massimi degli ultimi tre anni dopo che mercoledì sera negli Stati Uniti il dato sulle scorte settimanali negli Usa, è sceso ben oltre le previsioni. Ma anche le tensioni geopolitiche, hanno contribuito fin dalla mattina ad alimentare le speculazioni. Infine ieri il ministro dell’Energia degli Emirati Arabi e presidente dell’Opec Souheil Al-Mazrouei ha sottolineato che i paesi produttori di petrolio sono in grado di mantenere in equilibrio domanda e offerta, rispettando gli accordi del 2016. Mazrouei si aspetta “una buona crescita della domanda” perché gli stock hanno continuato a diminuire, ma l’Opec deve “ancora ridurre di 100 milioni di barili ulteriori” la produzione.

Fonte: La Repubblica – Red. (pag. 27)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Green new deal, la Speranza per il futuro

La Banca europea per gli investimenti ha approvato la nuova politica per l’energia.
[leggi tutto…]

Primato mondiale per petrolio e gas

Gli Stati Uniti sono diventati il più grande produttore di petrolio al mondo, oltre che di gas naturale
[leggi tutto…]

Snam, il core business spinge utile e marginalità

Sfruttando la positiva performance del business del trasporto gas e il mix di efficientamento della gestione operativa e ottimizzazione della struttura finanziaria, Snam ha i principali indicatori in crescita e con una netta accelerazione
[leggi tutto…]